APPUNTI

Samuele Marabotto PRIME dieci pagine

La sposa giovane

Samuele Marabotto
La prima considerazione che mi viene in mente in questo momento è che le parole sono lì, a disposizione di tutti. Per dirla tutta è una cosa a cui ho pensato un sacco di volte....
Margherita Candellero NOTE dalla provincia

Il piacere del viaggio in treno.

Margherita Candellero
In uno degli ultimi numeri di Internazionale mi è capitato di leggere un articolo di Tracey Thorn, musicista e scrittrice britannica, dal titolo: “L’Europa vista dai binari”, in...
Mariel Giolito MEMORIE di una vecchietta perbene

La ballata di Iza

Mariel Giolito
Il libro “La ballata di Iza” di Magda Szabo edito da Einaudi, è arrivato a casa mia inaspettato, attraverso una cara amica. Ricordavo che della stessa autrice mi era...
Mariel Giolito MEMORIE di una vecchietta perbene

Birdman

Mariel Giolito
Non è che ho smesso di leggere anzi…ma in quest’ ultimo periodo ho visto dei film che mi hanno proprio catturata e Birdman è riuscito a stupirmi per l’attualità...
Margherita Candellero NOTE dalla provincia

CITTA’ APERTA di Teju Cole

Margherita Candellero
“ E così quando lo scorso autunno avevo cominciato a fare le mie passeggiate serali, mi ero reso conto che Morningside Heights è un buon punto di partenza per esplorare la città....
Mariel Giolito MEMORIE di una vecchietta perbene

American Sniper

Mariel Giolito
American Sniper è un film non retorico, non spettacolare e nemmeno sentimentale: il vecchio Clint ha colpito ancora non usando il fucile ma con la solita coerenza, la correttezza...
Margherita Candellero NOTE dalla provincia

La bellezza dell’ora di lezio...

Margherita Candellero
“Quello che resta della Scuola, nel tempo della sua evaporazione, è la bellezza dell’ora di lezione.” Queste parole costituiscono l’incipit e il cardine del libro scritto da...
Samuele Marabotto PRIME dieci pagine

I segreti di Gray Mountain

Samuele Marabotto
Non c’è sicuramente bisogno di leggere questa rubrica per scoprire che John Grisham è un tipo davvero in gamba. Ha la capacità di inventarsi sempre qualcosa di originale...
1 commento

LEGGERE

Margherita Parigini

Il lato B (o il “lato oscuro”, non della Forza)

Esistono numerose storie, libri, racconti, film, immagini che parlano di un viaggio. Che sia un viaggio metaforico oppure no, esso è di per sé interpretabile come la nostra curiosità che, muovendosi, attraversa e raggiunge un qualcosa di non meglio...
Mariel Giolito

Il contrabbasso incantato

Poldo è piccolo e un po’ grassottello e sua moglie Cesira è lunga e secca. Quando è particolarmente irritata sbadiglia ed il suo sbadiglio si trasforma in una risatina secca che potrebbe anche essere tosse; a quel punto i bambini Gio e Meo...

Multimedia

Abbiamo intervistato Bruna Maria Ferraro, in scena in questi giorni con lo spettacolo "Qualcuno era... Giorgio Gaber". Dialogo immaginario con le nuove generazioni con le parole, i suoni, i pensieri e le atmosfere di Giorgio Gaber e Sandro Luporini
Margherita Parigini

Lettere, davvero?

Quando sono uscita dal liceo non sapevo cosa volessi fare. Ero stata tallonata durante tutto l’anno – secondo tradizione – da parenti, compagni di classe sicuri del loro futuro, conoscenti… avevano partecipato alle scommesse persino...
Maurizio Lucci

Straniamento IV

Un orologio impazzito salì sulle ore e si mise a volare sino a una stazione siderale ch’era la fermata del tempo. Ma non fece in tempo a sostare per riprendere fiato che le lancette segnarono le sette meno un quarto e batterono quattro...
Giorgio Buono

Davide

Ho visto nascere i giganti ed ho camminato tra loro impaurito dalla loro immanenza e scosso dal tuono vibrante d’ogni loro passo. Mi accecava e soffocava la loro polvere, che m’imprigionava quasi a farmi scomparire. Ma ho camminato e passo...
1 commento
Giorgio Buono

La meta

E ora Che hai a lungo camminato Ferma il tuo passo e volgiti. Vedrai orme quasi cancellate che ritroverai note. Tutte. Nel loro ricordo rivedrai salite e piane attraversate, in compagnia di una solitudine ricca di incertezze e di paure . forza...
1 commento
Maurizio Lucci

Straniamento 1

Lui teneva nella mano il manico di una tazza da tè che non aveva né la tazza né il tè e si inebriava alla fragranza che inondava la stanza. Lei reggeva tra le dita con lasciva eleganza una tazza senza il fondo che con aria trasognata le sgocciolava...
Dario Regis

Kossuth: lo scultore che danzava

Era un po’ di tempo che volevo chiedere al mio amico Giorgio cosa lo aveva spinto a scrivere quella bella poesia su Afrodite Pandemia, così l’altro giorno mi ha raccontato che l’ispirazione l’ha avuta dopo aver visto una...

« Precedenti

WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux