Prime dieci pagine

Chi si autopubblica diventa cieco? – un progetto comico tra scrittura, video e cabaret

Desy Icardi

In Italia sei adulti su dieci non aprono mai un libro salvo, ovviamente, non si tratti del libretto d’istruzioni di uno smartphone, o di altra diavoleria tecnologica.

Italiani popolo di santi, poeti e navigatori, ma non certo di lettori.

Se nel Bel Paese i lettori scarseggiano, in compenso gli scrittori – e soprattutto gli aspiranti tali – sono in continuo aumento. Secondo alcune ricerche, non troppo autorevoli ma neppure così poco attendibili, almeno un italiano su dieci avrebbe il famigerato “manoscritto nel cassetto”.

Italiani popolo di santi, poeti e navigatori, ma soprattutto di aspiranti scrittori.

Avere un manoscritto nel cassetto è un po’ come avere un grosso foruncolo in un posto inopportuno; di certo non sarà causa di morte, ma sicuramente procurerà disagio e fastidio… Ah, quanto fastidio!

Chi si autopubblica diventa cieco?” è un progetto comico che, attraverso questa rubrica e successivamente sul palcoscenico, racconterà di un esordio letterario.

Intendiamoci: l’esordio narrato non è di quelli fulgidi ed eroici ai quali ci hanno abituati letteratura, cinema e tivù. Qui non si parla di un povero padre di famiglia che viveva in un caravan scrivendo nottetempo, e che poi divenne Stephen King; né tantomeno si racconta di una madre single che nel suo freddo appartamento inglese inventava storie per divertire il figlioletto diventando così “la tizia che ha scritto Harry Potter” (è la scrittrice più pagata al mondo ma, diciamocelo, il suo nome non se lo ricorda mai nessuno).

Chi si autopubblica diventa cieco?” narrerà di sbiaditi contabili, grigi tranvieri e scoloriti metalmeccanici (persone non abbastanza ricche né troppo povere per risultare interessanti) che, a un tratto, decidono di liberare un cassetto – restituendolo ai calzini – e di provare a pubblicare la loro opera.

Dall’invio del manoscritto, che ogni editore richiede in maniera differente – via e-mail, in formato cartaceo, rilegato con spirale, stampato fronte e retro, rilegato a caldo, non rilegato, ristretto in tazza grande con rilegatura a parte – alla spasmodica attesa di una risposta, fino a giungere alla vergognosa ricerca di una “raccomandazione”; perché siamo italiani e magari non leggiamo un granché, però sappiamo come gira il mondo.

Italiani popolo di santi, poeti e navigatori, ma soprattutto di raccomandati.

Questo progetto, che si svilupperà attraverso post, video e infine approderà al palcoscenico, raccoglie la mia personale esperienza di scrittrice esordiente, e quella di molti altri scrittori e aspiranti tali, che negli anni ho incrociato nel mio percorso.

Le disavventure che leggerete e vedrete sul palco non sono tutte riferibili a me: c’è un limite alle stupidate che può commettere una persona sola.

Leave a reply

MEMORIE di una vecchietta perbene

Resto qui

16 novembre 2018

Scarabocchi di scuola

L’Islanda è una balena

7 novembre 2018

MEMORIE di una vecchietta perbene

Blackkklansman: l’America di oggi e quella di ieri

28 ottobre 2018

Scarabocchi di scuola

IO NON SO NUOTARE di Carla Ponzio

19 ottobre 2018

Rubrica rampante

‘Gaia e l’emergenza ambiente’

26 settembre 2018

MEMORIE di una vecchietta perbene

Sintra: “Eden glorioso” di Lord Byron

25 settembre 2018