Prime dieci pagine
Mariel Giolito

Un film sulla solidarietà e sull’abbandono, un film sugli sguardi e sui lunghi silenzi, un film sulla banlieue parigina, qui mostrata in un palazzo di periferia grigio e anonimo.
Adattando per lo schermo il suo romanzo Chroniques de l’asphalte, il regista-scrittore Samuel Benchetrit crea “Il condominio dei cuori infranti” un racconto corale di solitudini urbane.
Il film è preciso nei tempi e negli intenti, sottile nell’evocazione delle emozioni, perfettamente equilibrato fra ironia surreale e malinconia dell’esistenza.
Il regista racconta gli incontri dei sei protagonisti che si svolgono
nelle stanze e per le scale di un condominio grigio, quasi in rovina, in una qualsiasi periferia decadente.
L’invalido solitario che si innamora dell’infermiera triste (Gustave Kervern e Valeria Bruni Tedeschi), l’adolescente abbandonato a se stesso da una madre assente che fa amicizia con l’attrice in crisi (Jules Benchetrit e Isabelle Huppert), l’immigrata araba che accoglie l’astronauta perso nello spazio (Tassadit Mandi e Michael Pitt). Piccole tristezze e quotidiane solitudini, tratteggiate con levità e assieme precisione.
C’è chi cade dal cielo e chi da una sedia a rotelle.
Colpisce questa sceneggiatura essenziale che non si addentra nei dettagli di ciascuna malinconia, ma è sufficientemente decisa da sapere caratterizzare i personaggi con una manciata di dettagli ben assestati.
Ed è un film, questo di Benchetrit, che fa riscoprire la gioia per l’osservazione, il gusto per la sorpresa, che rischia molto (con l’arrivo dell’astronauta) ma che, proprio per questo, riesce a portare a casa il risultato.
Con semplicità e poesia, silenzi e irresistibili momenti di commedia dell’assurdo, tenendo costantemente separati i tre duetti, le varie coppie non si incontrano mai, sfiorandosi solamente nella “condivisione” di qualche rumore o evento esterno, ma creando nello spettatore la convinzione di assistere, passo dopo passo, ad un piccolo, grande film.
Questo gusto per il fondamentale permette a Benchetrit di navigare sicuro in un territorio alle volte surreale, senza sbandare né stonare in perfetta sintonia con la colonna sonora, pochi accordi di pianoforte composti dal musicista francese Raphael.
E così anche il segmento potenzialmente più pericoloso, quello della signora immigrata alle prese con l’astronauta abbandonato dalla NASA, diventa un siparietto di fenomenale commedia umana, fra spassose gag linguistiche e momenti di condivisione interculturale, per ribadire l’importanza dell’accoglienza.
Un film che non mira a ridisegnare i generi, ma è proprio quello che vuole Benchetrit, mettendo insieme tre lieti fine.
Si esce dalla sala con il cuore pieno e un sorriso.

Leave a reply

Rubrica rampante

Spiritualità e vita quotidiana

26 Giugno 2019

Rubrica rampante

Liebe, un quattro zampe al Salone

14 Maggio 2019

Scarabocchi di scuola

L’attesa della prima volta (o, forse, dell’appartenenza).

Rubrica rampante

Gaia, il pianeta che vive e respira

7 Maggio 2019

MEMORIE di una vecchietta perbene

La versione di Fenoglio

5 Maggio 2019

Rubrica rampante

Torino Comics 2019

19 Aprile 2019