Prime dieci pagine
Silvia De Angelis

Ehilà!

Gente navigata,

come procede questo pazzo autunno?

Alti, bassi, caldi-freddi a parte, le peripezie che ci conducono lungo il tortuoso cammino della nostra vita è ricco di situazioni speciali, alcune delle quali sono vere e proprie avventure, degne di essere narrate ai nipotini…

Ho scelto, per darvene un’idea, il libro ‘I goonies’ di James Kahn, tratto dalla sceneggiatura cinematografica di Steven Spielberg degli anni ‘80, uno dei maestri moderni, che davvero sa come si cattura un soggetto, si sviluppa una storia e s’intrattiene incollato alle pagine o allo schermo il lettore/spettatore senza sforzo alcuno e con piacere crescente, fino alla fine dell’avventura.

La mia generazione è stata fortunata, eravamo ragazzi in un tempo in cui gli artisti immaginavano storie nuove e producevano novità eccezionali; in cui si aveva il coraggio di pensare con il proprio cuore e la propria testa, creando occasioni letterarie o cinematografiche leggendarie.

Se state pensando che non si siano trovati di fronte a immani difficoltà, vi faccio notare che non è così. Gli ostacoli li incontrarono e li superarono, con mirabile determinazione.

In Italia questa libertà mentale non si respira, a livello intellettuale abbiamo ancora la testa imprigionata in una bolla obsoleta e conservatrice che frena la nostra corsa verso la creatività.

Persone che creano e si danno da fare non mancano, ma sono in difficoltà.

Mi permetto di farvi notare, ancora, che nessuno può catturare i nostri cuori amiche e amici artisti, perciò create e lanciatevi a capofitto nelle meravigliose avventure che vi capitano tra capo e cuore, senza lasciare che i poveri di vedute vi blocchino il cammino.

Osate e il mondo dell’avventura con le sue storie sarà vostro.

Gli esempi nel passato non mancano, ma anche nel presente ci sono validi pionieri dell’Originale (nel senso di ‘Non Rimpastato e Riproposto Per fare Quattrini e Vendere Copie o Raggranellare Spettatori’): come Pierdomenico Baccalario, Giovanni Del Ponte, Sandra Dema, Fabio Geda, Michele d’Ignazio, Pino Pace, Licia Troisi, i vari Wu Ming, per citarne alcuni giocando in casa; oppure Joël Dicker, Deborah Install, Christopher Paolini, John Stephens, Ransom Riggs, per dare un’idea delle autentiche idee dal mondo.

Per oggi è tutto gente navigata, è la jedi Silvia che vi scrive.

Vi saluto con l’augurio di lasciarvi avvolgere dal segno dell’avventura e da tante pagine originali a oltranza, non accontentatevi: quando si tratta di arte ci meritiamo il meglio!

J.S.

 

 

Leave a reply

Chi si autopubblica diventa cieco?

Buchmesse: l’editoria italiana cresce, ma i lettori calano

14 novembre 2017

Rubrica rampante

L’avventura

13 novembre 2017

NOTE dalla provincia

ANDROMEDA HEIGHTS di Banana Yoshimoto

2 novembre 2017

Soul System

Barolo chinato…

1 novembre 2017

Scarabocchi di scuola

Ma tu, ci credi? di Enrica Cavallotto

MEMORIE di una vecchietta perbene

Blade Runner 2049

19 ottobre 2017