Prime dieci pagine
Redazione

Solo,
seduto sulla sponda sassosa
dello stagno
sento il silenzio e
seguo con lo sguardo lo specchio sereno.
Scaglio un sasso, che scivola saltando sulla superficie.
Schizza, s’impenna,
s’innalza salta e sale,
poi scende,
schizza, scivola, s’impenna
sorvola la superficie,
ma poi sempre scende.
Scivola, salta, scende.
Scende, scende e scompare sott’acqua.
Sospiro e scaglio un secondo sasso.

Leave a reply

Rubrica rampante

Qual è la vera giungla?

22 Gennaio 2020

MEMORIE di una vecchietta perbene

Lungo petalo di mare

8 Gennaio 2020

Tra Colonne di Libri

La carriera del LEONE nella letteratura e nell’arte

3 Gennaio 2020

Scarabocchi di scuola

IO NON SO L’INGLESE di Carla Ponzio

27 Dicembre 2019

NOTE dalla provincia

In autunno le donne leggono storie di donne.

16 Dicembre 2019

MEMORIE di una vecchietta perbene

Parasite

6 Dicembre 2019