Prime dieci pagine
Redazione

Solo,
seduto sulla sponda sassosa
dello stagno
sento il silenzio e
seguo con lo sguardo lo specchio sereno.
Scaglio un sasso, che scivola saltando sulla superficie.
Schizza, s’impenna,
s’innalza salta e sale,
poi scende,
schizza, scivola, s’impenna
sorvola la superficie,
ma poi sempre scende.
Scivola, salta, scende.
Scende, scende e scompare sott’acqua.
Sospiro e scaglio un secondo sasso.

Leave a reply

NOTE dalla provincia

Non legare il cuore di Farian Sabahi

14 giugno 2018

MEMORIE di una vecchietta perbene

Parigi a piedi nudi

11 giugno 2018

Rubrica rampante

‘Tel chi el Salun! L’Universo si fa libro’

4 giugno 2018

Chi si autopubblica diventa cieco?

Confessioni di una scrittrice comica 5: writer troll

25 maggio 2018

Rubrica rampante

Tel chi el Salun! L’Universo si fa libro.

22 maggio 2018

NOTE dalla provincia

In viaggio tra i tesori dell’antica Grecia

9 maggio 2018