Prime dieci pagine
Redazione

Solo,
seduto sulla sponda sassosa
dello stagno
sento il silenzio e
seguo con lo sguardo lo specchio sereno.
Scaglio un sasso, che scivola saltando sulla superficie.
Schizza, s’impenna,
s’innalza salta e sale,
poi scende,
schizza, scivola, s’impenna
sorvola la superficie,
ma poi sempre scende.
Scivola, salta, scende.
Scende, scende e scompare sott’acqua.
Sospiro e scaglio un secondo sasso.

Leave a reply

MEMORIE di una vecchietta perbene

Parasite

6 Dicembre 2019

Scarabocchi di scuola

IL VIAGGIO E’ UNA STRADA

21 Novembre 2019

MEMORIE di una vecchietta perbene

Tutto il mio folle amore

8 Novembre 2019

NOTE dalla provincia

VENEZIA LAGUNA. Bricole, barene, aironi ……e molto altro.

23 Ottobre 2019

MEMORIE di una vecchietta perbene

Labirinto e caffè alla menta

da Internazionale

Una libertà difficile

20 Ottobre 2019