Prime dieci pagine
Redazione

Solo,
seduto sulla sponda sassosa
dello stagno
sento il silenzio e
seguo con lo sguardo lo specchio sereno.
Scaglio un sasso, che scivola saltando sulla superficie.
Schizza, s’impenna,
s’innalza salta e sale,
poi scende,
schizza, scivola, s’impenna
sorvola la superficie,
ma poi sempre scende.
Scivola, salta, scende.
Scende, scende e scompare sott’acqua.
Sospiro e scaglio un secondo sasso.

Leave a reply

MEMORIE di una vecchietta perbene

Berta Isla

17 Febbraio 2019

Rubrica rampante

‘Mai più!’

12 Febbraio 2019

NOTE dalla provincia

LA FAMIGLIA AUBREY di Rebecca West.

9 Febbraio 2019

Tra Colonne di Libri

Leggiamo PRIMO LEVI, maestro di limpidezza.

7 Febbraio 2019

Scarabocchi di scuola

Albania: la storia non serve a niente

1 Febbraio 2019

A SUD DI NESSUN NORD. Letteratura in viaggio

Argentina, algo más que un destino

28 Gennaio 2019