Prime dieci pagine
Silvia De Angelis

Ehilà!

Gente navigata,

dopo questa lunga estate infuocata, ci ritroviamo per ripartire con le invitanti attività autunnali. Anche se magari qualcuno non ama particolarmente le levatacce mattutine o le campanelle scolastiche che annunciano l’inizio delle lezioni del nuovo anno scolastico, è comunque bello ritrovare gli amici di sempre, o nuove conoscenze, tutte da scoprire!

Io ho aperto alla grande la stagione letteraria, post vacanze estive, grazie alla Fiera d’Autunno di via Nizza e all’amico Gian Piero di Verdelibri, col quale abbiamo accolto tanti gioiosi piccoli lettori e lettrici, chiamati a sfidarsi all’ultima domanda per orientarsi nel grande Labirinto delle Storie, un luogo misterioso e avventuroso per eccellenza.

Ecco a voi il libro: ‘Un sacchetto di biglie’ di Joseph Joffo, ed. BUR Rizzoli. Una storia vera.

Quella che vi voglio presentare oggi, è la rocambolesca avventura di due bambini francesi che, un giorno non troppo lontano, scoprirono di essere ebrei. Senza nemmeno sapere bene cosa volesse dire, esattamente, essere un ebreo, durante la caccia all’uomo dei tedeschi nazisti, che li coinvolse quando la Francia cadde sotto il dominio tedesco, furono costretti ad abbandonare la famiglia e fuggire per salvarsi la vita. Senza capire, presero l’uscio e partirono.

Joseph Joffo e suo fratello maggiore Maurice erano, fino a quel momento, cresciuti scorazzando per le strade adiacenti a rou de Clignancourt, dove campava la scritta dell’insegna del negozio di famiglia: ‘Joffo – Parrucchiere’. I due fratellini si ritrovarono a dover fuggire, da soli, in una notte come tante, ma che di usuale non aveva proprio nulla.

Da quel momento ogni abitudine sarebbe stata cancellata, i giochi quotidiani dimenticati, la sicurezza di un letto caldo in cui riposare, accanto alla protezione del nido d’infanzia e dei genitori, sempre attenti, svanita. Se la sarebbero dovuta cavare da soli, per raggiungere il sud del paese, ancora relativamente libero da persecuzioni di tipo razziale, perché sotto il controllo dei fascisti italiani. I ladri d’infanzia qui non erano ancora passati ed era un luogo sufficientemente sicuro.

Così venne il tempo in cui, dei bambini indifesi, dovettero tirare fuori ogni loro risorsa per sopravvivere ed evitare di essere catturati dai costanti rastrellamenti nazisti, che si svolgevano sul territorio dei paesi occupati.

Questo libro, insieme a: ‘Muschio’, un cane in guerra, di Davide Cirici, ill. di Federico Appel, editr. Il Castoro (narra la toccante storia del più fedele fra gli amici che, dopo un bombardamento, corre alla ricerca dei suoi piccoli padroncini), ci ritroviamo a confrontarci con la dura vita di coloro che vivono le conseguenze della violenza altrui.

Senza appello, senza che nessuno ci chieda nulla, improvvisamente il mondo intorno a noi impazzisce, senza che nemmeno lui possa farci granché ed è costretto a cambiare maldestramente, per adattarsi alla follia dei pochi che pensano di risolvere i guai dell’universo imbracciando le armi di distruzione di massa o di arricchirsi inquinando e spadroneggiando, senza pietà.

Amici lettori e amiche lettrici dunque, unitevi a me, nell’urlo liberatorio che faccia capire a quelle teste calde che la guerra è un inutile spreco di energie, risorse e vita. Di tempo non ne abbiamo poi molto, allora cerchiamo di impiegarlo al meglio delle nostre possibilità….

Gridiamo ‘No! Ora basta’.

È la jedi Silvia che vi scrive.

Vi invio una galassia di saluti e vi aspetto qui, prossimamente, per parlarvi di fiere, storie e libri.

J.S.

 

 

Leave a reply

Rubrica rampante

‘Sopravvissuti….’

29 Settembre 2019

NOTE dalla provincia

SIENA E DINTORNI: da Guidoriccio alle abbazie benedettine.

23 Settembre 2019

MEMORIE di una vecchietta perbene

Schiavi e guerrieri

Scarabocchi di scuola

Un viaggio in Cambogia e Vietnam. 3° parte: il VIETNAM del Nord.

18 Settembre 2019

MEMORIE di una vecchietta perbene

Dolor y Gloria

1 Settembre 2019

Scarabocchi di scuola

Un viaggio in Cambogia e Vietnam. 2°parte: il Vietnam del Sud e del Centro.

15 Agosto 2019