Prime dieci pagine
Paola Cereda

Psicologa, è stata assistente alla regia di Moni Ovadia e ha viaggiato e lavorato in diverse parti del mondo. Scrittrice, oggi vive a Torino dove si occupa di progetti teatrali e culturali nel sociale. Viaggia all'estero almeno due volte l'anno, per non perdere il vizio. Vincitrice di numerosi concorsi letterari, è stata finalista al Premio Calvino 2009 con il romanzo Della vita di Alfredo (Bellavite). Con Piemme ha pubblicato "Se chiedi al vento di restare" (2014) e "Le tre notti dell'abbondanza" (2015)". A maggio 2017 per Baldini&Castoldi è uscito "Confessioni audaci di un ballerino di liscio" (finalista al Premio Rapallo Carige) .
Paola Cereda

In Argentina, i miracoli della religiosità callejera

Della mia permanenza in America Latina ricordo tante, tantissime cose. Una in particolare l’ho portata in Italia con me e l’ho messa in tutti i miei romanzi: la forza della religiosità popolare. Più che con la fede, la religiosità popolare c’entra con il desiderio di ogni essere umano di aspirare a un futuro prossimo che… Leggi

In Polesine, dal viaggio al romanzo

Bottecchio sul Po è un comune in provincia di Rovigo che non c’è, ma che potrebbe esistere. Situato sulla sponda veneta del fiume poco prima che le acque si aprano nel delta, è famoso per il Sorriso dancing club, la balera più importante del Veneto. Il Sorriso dancing club è un luogo dove la gente… Leggi

A Cipro, sotto l’Albero dell’Ozio

“I viaggi sono come gli artisti, nascono e non si possono creare. (…) Sbocciano dalle esigenze della nostra natura e i più belli non ci conducono solamente più lontano nello spazio, ma anche più dentro noi stessi” così lo scrittore Lawrence Durrell apre il suo romanzo Gli amari limoni di Cipro, descrivendo un viaggio in… Leggi

Dormono, dormono sulla collina

Bodie e la maledizione della città fantasma  Un faldone ben in mostra nel centro visitatori dello State Park di Bodie ricorda ai turisti la maledizione che grava su una delle meglio conservate città fantasma della California, un tempo popolata da cercatori d’oro, minatori, cow boy e prostitute. Il faldone raccoglie le lettere inviate dai visitatori… Leggi

“Slab city: fuori o dentro il sogno americano”

”If you wanna save your soul from hell a-ridin on our range then cowboy change your ways today” Ghost Riders in the Sky. La signora Rosa è seduta davanti alla stanza di un motel mentre Estela, il suo chihuahua, gioca tra la polvere di Niland, paese di 1000 anime nel deserto californiano del Sonora, chiuso… Leggi

In viaggio per pensare e assimilare l’attesa

Non sono una scrittrice di viaggi. Sono una scrittrice che viaggia. La prima volta avevo appena finito l’università: presi il primo charter a disposizione e mi trovai catapultata nel sud dell’Egitto, un Paese del quale conoscevo poco o niente. Mi ero messa in testa di imparare le coordinate necessarie alla sopravvivenza. Cominciai dalle strade della… Leggi

MEMORIE di una vecchietta perbene

Blade Runner 2049

19 ottobre 2017

Rubrica rampante

L’ascolto

13 ottobre 2017

Chi si autopubblica diventa cieco?

Frutti maturati nel silenzio

7 ottobre 2017

NOTE dalla provincia

Viaggio in un’Olanda insolita.

26 settembre 2017

Rubrica rampante

Mai più!

22 settembre 2017

Scarabocchi di scuola

…..Como parla bbene! di Gabriella Mortarotto

14 settembre 2017