Prime dieci pagine
I BASTIONI DI ORIONE Gualtiero Wally Rossano

Gualtiero Rossano, conosciuto come Wally, è da sempre uno sportivo (ciclismo, paracadutismo, sci, snowboard). Svolge attività di guida/accompagnatore mtb e bici da corsa e dedica il proprio tempo libero al randagismo a pedali. Fa parte della nazionale italiana randonneur.

È da sempre uno sportivo (ciclismo, paracadutismo, sci, snowboard). Svolge attività di guida/accompagnatore mtb e bici da corsa e dedica il proprio tempo libero al randagismo a pedali. Fa parte della nazionale italiana randonneur.
Gualtiero Wally Rossano

Ho pedalato (lentamente)

È in giornate come quella di oggi che mi rendo conto di non essere un ciclista; intendiamoci, non userei altro mezzo per viaggiare, se non un cavallo, cosa che avrei certamente fatto se fossi nato in un’altra epoca! Partito ancora molto stanco per la faticosa giornata di ieri, non appena sono entrato nella terra che… Leggi

Sbuffando come una locomotiva

Nella vita, ad un certo punto indefinito del nostro cammino, capita che nulla sia più in grado di emozionarci; con il passare del tempo cresce l’esperienza e nelle cose che facciamo non c’è più il sapore della prima volta. La bicicletta rappresenta un serbatoio infinito di “prime volte”. Oggi voglio raccontarvi di quella prima volta,… Leggi

I BASTIONI DI ORIONE

«Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. » La strepitosa… Leggi

MEMORIE di una vecchietta perbene

La colonna di fuoco

27 novembre 2017

Chi si autopubblica diventa cieco?

Buchmesse: l’editoria italiana cresce, ma i lettori calano

14 novembre 2017

Rubrica rampante

L’avventura

13 novembre 2017

NOTE dalla provincia

ANDROMEDA HEIGHTS di Banana Yoshimoto

2 novembre 2017

Soul System

Barolo chinato…

1 novembre 2017

Scarabocchi di scuola

Ma tu, ci credi? di Enrica Cavallotto